sabato 29 dicembre 2012

Modello & Creo . . . Pasta di sale

La pasta di sale, è molto apprezzata per la sua semplicità di realizzazione , l'economicità e il facile reperimento degli ingredienti, ed è il primo approccio alle paste modellabili per i bambini, che ancora piccoli possono sperimentare questo gioco dalla realizzazione del materiale fino alla creazione degli oggetti.

La pasta di sale è stata per me adatta a un uso sperimentale, infatti ho realizzato molti anni fa, delle decorazioni per l'albero, bamboline, fiori e un porta foto, costatando che lasciano il tempo che trovano visto questa loro influenza all'umidità, e anche perché poi mi sono orientata su altri materiali per creare e modellare oggetti, che durano sicuramente a lungo a differenza della pasta di sale, che anche preteggendola con lo spray può comunque con il tempo avere dei danni.

La pasta di sale rimane comunque una tecnica naturale, alla portata di tutti e a qualsiasi livello.

Ma passiamo alla ricetta e alle tecniche per realizzare una buona pasta di sale, per creare, giocare, e far modellare.

Ricetta pasta di sale (o pasta al sale)
  • 200 g Farina 00
  • 300 g di Sale fino polverizzato 
  •  Acqua  q.b. 
  • 2 cucchiai di colla vinilica o colla da parati in polvere
Questo è l'impasto base, è importante che il sale sia polverizzato perché altrimenti i grani di sale non rendono l'impasto omogeneo. Si può polverizzare con un comune frullatore, se non lo si trova già in polvere come lo zucchero a velo. 
La quantità di sale è in più rispetto alla farina per la resa finale dell'impasto che sarà più compatto e resistente. 

Porcedimento
Si versa il contenuto delle 2 tazze, prima la farina e poi il sale, in un altro contenitore capiente.
Si mescolano i due ingredienti in modo omogeneo, con un cucchiaio, cosicché nella fase di essicazione gli oggetti non si crepano


Aggiungere la colla e poi l'acqua quanto basta per ottenere un panetto.

L'impasto bisogna lavorarlo bene, più viene lavorato più sarà modellabile.
Per questa dose ci vuole un buon quarto d'ora di lavorazione.
Dopo si lascia riposare avvolto nella pellicola per circa 1 ora.

Colorazione
Per colorare l'impasto si usano tempere e acrilici, ma si può optare per colorazioni naturali come cacao e spezie che possono servire anche come decorazioni, oppure coloranti alimentari, questi è meglio in polvere o in gel. 

L'impasto comunque può essere colorato anche dopo, questo è utile nella realizzazione dei dettagli.

Modellazione
La modellazione è uguale a qualsiasi pasta modellabile, è opportuno comunque tenere una ciotolina con farina e sale polverizzato in parti uguali, in caso la pasta assorbendo umidità diventi più morbida e necessita quindi di altro composto per permettere la realizzazione degli oggetti da creare.
Per capire se l'impasto è ottimale, quando lo si modella non deve afflosciarsi su se stesso, ma quindi mantere la sua forma, potete capirlo facendo un petalo con un po di impasto schiacciato tra  il pollice e l'indice, se mantiene la sua forma, allora è buono. 

Per assemblare i pezzi basta un po' di acqua o colla vinilica, quest'utlima anche per assemblare gli oggetti già essiccati. Alcuni oggetti infatti hanno bisogno di essere modellati separatamente prima di unirli in un unica soluzione, questo perché ne impedisce la deformazione durante l'asciugatura e di mantenere meglio i particolari modellati.

Porta foto in pasta di sale, 
Ad esempio in questo porta foto realizzato come accennato prima, i palloncini a cuore sono stati realizzati a parte, modellati e fatti asciugare sul piano di lavoro, e una volta asciutti perfettamente, posizionati in verticale come in foto (con la loro struttura ad U all'interno inserita in fase di modellaggio), poggiati su una base a cuore, insieme i 2 maialini, tutto in pasta di sale.
Questo è l'unico oggetto in pasta di sale che è ancora integro! e sono passati più di 6 anni da  quando l'ho realizzato.
 
L'essicazione
Una volta realizzati i manufatti, devono asciugare all'aria o su i termosifoni in casa quando fa freddo come ora, oppure in forno elettrico a 60°, in forno e bene sempre controllarli e non superare mai questa temperatura.
Rose in pasta di sale (senza colore) dopo l'essicazione
Conservazione
Sicuramente per conservarli a lungo vanno evitati i luoghi umidi, (infatti l'unico superstite non sta a casa mia! -.-)
Va detto che, la colla vinilica, la colla da parati, gli acrilici, sono ottimi impermeabilizzanti! quindi è importante usare questi elementi come ho detto prima.
Poi l'ultimo accorgimento da utilizzare è uno spray protettivo trasparente lucido o opaco, una volta ultimato l'oggetto.


Nella foto di questo bambolotto e chiaramente visibile l'effetto sgranato utilizzando il sale non polverizzato, quindi è molto importante ridurlo in polvere perchè non permetterebbe di definire i particolari della modellazione. 

bambolotto in pasta di sale non polverizzato





giovedì 20 dicembre 2012

Letterina a babbo Natale

Ormai siamo entrati nel vivo delle feste, e i bambini devono fare la letterina di Natale, in molti forse l'avranno già fatta... è per quei pochi che ancora devono mettere giù le idee ecco delle letterine, realizzate graficamente da me, da scrivere con tutti i sogni, i desideri, i regali e gli auguri vogliamo scrivere.

Letterina Classico Natale

Letterina Merry Christmas

Letterina Babbo Natale

Da stampare oppure mandare per mail

sabato 15 dicembre 2012

Modello & Creo . . . Scrap Art

Questa settimana parlo di Scrap Art, penultimo appuntamento di Modello  & Creo…  che è stato tutto dedicato alla carta e alle sue forme d’arte! Non perdetevi il prossimo anche se sarete alle prese con i regali e il cenone dell’imminente vigilia di Natale.

Ma non vi preoccupate dopo le vacanze natalizie la rubrica ritornerà … con tante altre tecniche decorative e hobbystiche.

Scrap Art - Scrapbooking
Forse il termine più conosciuto di questa tecnica è  Scrapbooking, termine inglese perché è negli Stati Uniti che questa tecnica è maggiormente diffusa, ma anche in Italia forse senza nemmeno rendercene conto abbiamo avuto il nostro piccolo inizio.
Dico così perché penso che quasi tutte, è parlo al femminile perché è più una particolare attenzione delle donne rispetto agli uomini, abbiamo avuto la voglia di conservare i ricordi cartacei che non fossero esclusivamente foto,  ad esempio;  la caramella che il nostro compagno di classe che ci piaceva tanto ci ha regalato, di cui abbiamo conservato l’incarto nel nostro diario, accanto a frasi e altri ritagli carini presi da qualunque cosa ci capitasse tra le mani che ritenevamo carino.
Oppure i ritagli dai giornaletti per "teenager" delle icone del momento che erano i nostri idoli , che poi incollavamo sul diario…
Ricordo che dalle medie al liceo sul diario i compiti li scrivevo a matita per poi cancellarli per fare spazio a tante altre cose. Era pieno di frasi, disegni,  foto, ogni giorno era un ricordo! Ed è proprio questo che fa, ed è,  lo scrapbooking:
Un modo creativo di filmare i nostri ricordi, attraverso i ritagli è l’incollaggio di tutto ciò che quel giorno importante ci ricorda, e tutto questo si riporta in quaderni di viaggio, in album fotografici, nei diari…che in America, ed ecco perché è molto più diffusa lì, sono delle vere biografie artistiche della propria vita; invece da noi sono meno diffuse ma sicuramente l’utilizzo creativo del diario di scuola in Italia è un nostro modo limitato alla nostra adolescenza di essere Scrapbooker!

Tutti  possono cimentarsi in quest’arte perché ciò da cui si viene spinti è da un necessità personale, un emozione, toccare con mano un evento a voi caro,  e questo fa nascere tutto, anche la creatività.
 Come Iniziare?
Raccogliere tutti i ricordi materiali: Foto, scontrini, letterine, tutto ciò andrà nel album asseconda di che album sarà…
E tutti i ricordi mentali: Fondamentali per un vero scrapbooking! espressioni, frasi  celebri del momento vissuto, pensieri riportati su carta avuti proprio in quello scatto…quanto c’è impresso nella mente in una foto? Un mondo vissuto! Tutto questo servirà per lo Journaling del album.
(album di famiglia, album di vacanza, di Natale, Di nascita, Di laurea, Di compleanno…)
Scegliere l’album, di solito si usano quelli con le pagine removibili per lavorare meglio ogni singola pagina
O c c o r r e n t e :

  • Forbici normali e forbici a trama, cutters
  • Materiale dei ricordi
  • Cartoncini e carte di tutti i tipi di tutti i colori, anche le stoffe si possono usare
  • Colla per carta, colla forte, nastri adesivi, colla glitter
  • Ferma campioni, occhielli in metallo, graffette…..
  • Foratrice per fare i buchi alle carte, per inserire etichette e i nostri ricordi cartacei in modo creativo
  • Fustelle servono per creare particolari forme a carta e cartoncini
  • Matite, colori, penne, timbri, inchiostri ... tutto ciò serve a colorare e scrivere
  • Matita grassa specifica per scrivere sulle foto
  • Stampante per stampare dei disegni particolari che vogliamo o anche per scrivere il titolo del nostro album con bellissimi font  e tutto ciò non vogliamo a mano nel nostro album
Come si evince dall’occorrente l’abbellimento è la caratteristica dello scrap, ed è simile al decoupage per questo aspetto. 

Termini Importanti
CK OK sigla che si trova su alcuni prodotti per lo scrap è indica che può avvenire a contatto con le foto perché è sicuro, non le comprometterà ne a breve ne a lungo termine.
Die-cuts disegni ritagliati con le macchinette apposite usati per abbellimento.
Foto Corner gli angoli adesivi usati per fermare le foto senza passare la colla su tutto il retro della foto
Page protectors fogli in plastica trasparenti che proteggono le pagine dell’album. Devono essere acid free (propylene, poliestere e polietilene)

Come realizzare un album di ricordi Scrapbooking?
Deciso per che album optare e tutte le foto e i ricordi inerenti bisogna  iniziare il “lavoro”!
Io personalmente non amo fare album tematici dopo molto tempo, li preferisco fare di pari passo perché appunto non  deve essere un lavoro ma deve essere un ricordo speciale… è  si sa che più passa il tempo e più i ricordi affievoliscono …quindi la mia personale regola sul come iniziare è… iniziare da subito e costruirlo passo per passo. Così i ricordi sono belli lucidi e vivi e si potrà intervenire meglio anche creativamente.
La parola chiave dello scrapbooking è COMPORRE!
Mettiamoci davanti la nostra prima pagina di album è decidiamo dove va messa la foto, co quale foto iniziare, che sfondo metterci … lo sfondo è importante, lasciarlo semplice sarebbe un album comune è non un scrapbooking!
1 Backgrounds
Scegliere lo sfondo per chi è agli inizi può essere una crisi o uno slancio, non ci sono mezze misure.
L’importante e che sia colorato è che abbia una trama per rendere il tutto più dinamico , perché poi tutte le decorazioni si possono aggiungere.
Si può comprare già con un motivo o crearlo, certo se siete agli inizi e nemmeno avvezze al disegno e alla pittura comprarla pronta è ragionevole.
2 Paper Tearing
È una delle tecniche utilizzate con la carta per realizzare bordure, sfondi, cornici. Significa strappare la carta, ed è in questo che consiste; strappare la carta a mano per creare un bordo frastagliato che con ogni carta è diverso. Si potrà utilizzare una carta con dei motivi solo da un lato per accentuare il bordo che farà intravedere tra le fibre il bianco del retro.
3 Scarabocchiare
Sono i vostri ricordi, il vostro album, fate ciò vi piace! anche gli scarabocchi vanno bene, non importa se non sapete disegnare o la vostra scrittura e orrenda, rendete unico il vostro album a tutto scrap!

S c r a p A r t
La scrap art non è altro che tutto ciò detto fin ora ma riportato al creare biglietti, scatole, cornici e a degli oggetti di home decor, come ad esempio il nome da mettere sulla porta della cameretta. 


Alcune mie scatole in scrap art, per compleanno, adatta a contenere dolciumi o qualche gioccattolino da dare a fine festa.

Potete vederle meglio nel dettaglio in Idee Regalo, nel'elenco a sinistra

domenica 9 dicembre 2012

Decorazioni Natalizie

L'albero è addobbato e regna sovrano nella maggior parte delle case, pieno di luci e scintillii... In giro nei negozi ho visto come sempre decorazioni bellissime e coloratissime oltre a quelle dell'anno scorso. Mi piacciono tanto quelle ho visto di vetro colorato, quelle di vetro mi affascinano sempre, ma queste di più, perchè erano a forma di pupazzo di neve, con un pennacchio arricciato sulla testa verde, tutto di vetro... vabbè decorazioni che sul mio albero non potrebbero resistere fino alla fine delle feste! Quelle piccole pesti di casa le romperebbero subito!!

Veniamo al mio post... mi mancano da postare ancora altre 2 decorazioni natalizie che ho fatto quest'anno. 

Gli Omini Pan di zenzero
Glassati, decorati e glitterati. In foto non si vede ma hanno anche il gancetto sulla testa.

Zuccherini a cuore
I zuccherini di natale mi piacciono così tanto se ne vedrò uno vero di zucchero lo compro! ma sarà troppo carino e profumato per mangiarlo! Un bagno schiuma al profumo di bastoncini di zucchero di Natale sarebbe perfetto.



domenica 2 dicembre 2012

Modello & Creo . . . Origami Gru Tutorial. Parte II

Ecco, come promesso il Tutorial dell'origami Gru!

Occorrente :
Foglio origami di 15 cm

Passo base per ogni origami e tracciare le diagonali al foglio passanti per i vertici e per i lati.
Le pieghe devono essere fatte da entrambi i lati del foglio.

Fasi di realizzazione

1 Posizionare  il foglio come nell’immagine

2 Adesso  si deve lavorare sulle zone selezionate (i 2 quadrati formati dalle pieghe – colore blu) separatamente.

-        Dobbiamo piegare i due quadrati (prima uno e poi l’altro) assecondando la piega nell’interno
 
Facendo combaciare la piega (mostrata a puntini gialli nella foto 1) con la piegatura posta nel quadrato sottostante (puntini neri).



                                                    Particolare vista laterale :   

Si fa quest’azione anche dall’altro lato e, a questo punto avremo questo risultato.

Visti frontalmente ci appariranno le 3 pieghe con nel mezzo 2 code.


3 Adesso si piegano entrambi i vertici laterali verso l’interno, in una prima metà l’uno, e nel altra metà l’altra.
Otterremo una forma come fosse un aquilone, e il triangolo sopra lo piegheremo rivolgendolo dietro.

4  Ora, mentre il triangolo rimane piegato dietro, le alette formate avanti le distendiamo nuovamente, ottenendo così una forma a diamante.

Posizioniamo il “diamante” avendo la punta rivolta verso destra
6 Prendiamo la prima piega aprendola verso l’alto e assecondiamo il rombo si viene a formare. Stiriamo le pieghe e questo e ciò avremo.

7 Giriamo l’origami dall'altro lato

Stendiamo il triangolo piegato al punto 3, per permetterci di piegare le alette come al punto 3,

 dopo le riapriamo e mettiamo il triangolo come prima. (vedi punto 7)

8 Ritroviamo la forma a “diamante” del punto 5
 
Ora possiamo ripetere il punto 6.
9 Ad ora questo è l'immagine che avremmo di fronte


10 pieghiamo il lato esterno della coda facendolo aderire parallelamente all’altro lato sempre della stessa coda, e ripetiamola all’altra

Giriamo la sagoma come in foto. Si avranno le 2 code in basso.

11 piegare la prima coda verso l’alto assecondando la piega si viene a formare

12 Ristendiamola nuovamente e apriamo il lato sinistro stendendo la coda.

Pieghiamo la coda come in foto.


Ripetiamo dall’altro lato il passo 11 e12 capovolgendo la sagoma.

13 Dovremmo avere questo

14 alziamo il primo triangolo ( troveremo il triangolino sotto). Facciamo la stessa cosa all’altro lato.

15 Capovolgiamo la figura se non l’abbiamo già fatto in modo che il triangolino sia con la punta in su. E realizziamo la testa della gru a sinistra
 Assecondando le pieghe vi verrà spontaneamente.

 Mettiamola in piedi ed ecco fatto una bellissima gru!
                                      Ne facciamo mille?

sabato 1 dicembre 2012

Scatolina Casetta di natale

E' il primo dicembre! waw siamo davvero vicini a Natale, e nelle scuole si entra nel vivo dei lavoretti natalizi, proprio per questo voglio rendere partecipe anche il mio blog di questo e darò una mia idea su i lavoretti per Natale.
Quello realizzerò è una casetta natalizia, tutta disegnata, colorata, molto carina, che è una scatolina per poter mettere la letterina di natale e qualche cioccolatino.

Occorrente
foglio di carta bianco o cartoncino leggero
colla vinilica
squadre e matita
colori vari

1 realizzare lo schema 
Lo schema per realizzare il contenitore è veramente semplice! ancora più semplice della classica scatola cubo!



A differenza del cubo c'è un quadrato in meno e le alette le ho disposte solo su i 2 quadrati in foto, invece che darne 1 per ogni quadrato come nello schema a cubo.


Tutto e di 5 cm, anche l'altezza dei triangoli, invece la loro base come vedete e maggiore, io lo fatta di 8.  

Per realizzarne più di uno, basterà disegnare una volta sul foglio di carta per stampanti, scannerizzare, e stampare lo schema.

2 Piegare le linee con la riga
Le linee guida per nasconderle verranno messe nell'interno. Piegare le alette, i 4 lati del quadrato centrale e le basi dei triangoli. 

Il retro sarà bianco e libero e si potrà disegnare e colorare. Le alette sono piegate all'interno, per questo in foto non ci sono.

3 Disegno, colore, fantasia
La parte divertente. tranne che per il quadrato al centro che è inutile da colorare in quanto la base della scatola tutto il resto va disegnato a tema natale e ovviamente casetta.
finestra, porta, camino, tutto ciò può casa la scatolina, può anche essere una casa a tema marzapane, senza far mancare tutti i decori natalizi; l'albero, le luci, la neve, il pupazzo di neve, babbo natale, elfi, tutto!



Si potrà rifinire con le penne glitterate per scrivere Buon Natale e dare tocchi di luce.

4 Comporre la scatola 
Si spennella di colla vinilica ogni aletta e si incolla alla parete vicina. 
Starà perfettamente in piedi! Se l'incollaggio è andato bene :)

 5 Chiudere
Il tetto farà da chiusura. Usando la punzolatrice, e il suo anellino metallico, sulla cima del tetto si fa un buchetto. Da questo foro si fa passare un bel nastrino per chiudere il tutto con un fiocchetto.


Lavoretto natalizio pronto!


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...