sabato 29 dicembre 2012

Modello & Creo . . . Pasta di sale

La pasta di sale, è molto apprezzata per la sua semplicità di realizzazione , l'economicità e il facile reperimento degli ingredienti, ed è il primo approccio alle paste modellabili per i bambini, che ancora piccoli possono sperimentare questo gioco dalla realizzazione del materiale fino alla creazione degli oggetti.

La pasta di sale è stata per me adatta a un uso sperimentale, infatti ho realizzato molti anni fa, delle decorazioni per l'albero, bamboline, fiori e un porta foto, costatando che lasciano il tempo che trovano visto questa loro influenza all'umidità, e anche perché poi mi sono orientata su altri materiali per creare e modellare oggetti, che durano sicuramente a lungo a differenza della pasta di sale, che anche preteggendola con lo spray può comunque con il tempo avere dei danni.

La pasta di sale rimane comunque una tecnica naturale, alla portata di tutti e a qualsiasi livello.

Ma passiamo alla ricetta e alle tecniche per realizzare una buona pasta di sale, per creare, giocare, e far modellare.

Ricetta pasta di sale (o pasta al sale)
  • 200 g Farina 00
  • 300 g di Sale fino polverizzato 
  •  Acqua  q.b. 
  • 2 cucchiai di colla vinilica o colla da parati in polvere
Questo è l'impasto base, è importante che il sale sia polverizzato perché altrimenti i grani di sale non rendono l'impasto omogeneo. Si può polverizzare con un comune frullatore, se non lo si trova già in polvere come lo zucchero a velo. 
La quantità di sale è in più rispetto alla farina per la resa finale dell'impasto che sarà più compatto e resistente. 

Porcedimento
Si versa il contenuto delle 2 tazze, prima la farina e poi il sale, in un altro contenitore capiente.
Si mescolano i due ingredienti in modo omogeneo, con un cucchiaio, cosicché nella fase di essicazione gli oggetti non si crepano


Aggiungere la colla e poi l'acqua quanto basta per ottenere un panetto.

L'impasto bisogna lavorarlo bene, più viene lavorato più sarà modellabile.
Per questa dose ci vuole un buon quarto d'ora di lavorazione.
Dopo si lascia riposare avvolto nella pellicola per circa 1 ora.

Colorazione
Per colorare l'impasto si usano tempere e acrilici, ma si può optare per colorazioni naturali come cacao e spezie che possono servire anche come decorazioni, oppure coloranti alimentari, questi è meglio in polvere o in gel. 

L'impasto comunque può essere colorato anche dopo, questo è utile nella realizzazione dei dettagli.

Modellazione
La modellazione è uguale a qualsiasi pasta modellabile, è opportuno comunque tenere una ciotolina con farina e sale polverizzato in parti uguali, in caso la pasta assorbendo umidità diventi più morbida e necessita quindi di altro composto per permettere la realizzazione degli oggetti da creare.
Per capire se l'impasto è ottimale, quando lo si modella non deve afflosciarsi su se stesso, ma quindi mantere la sua forma, potete capirlo facendo un petalo con un po di impasto schiacciato tra  il pollice e l'indice, se mantiene la sua forma, allora è buono. 

Per assemblare i pezzi basta un po' di acqua o colla vinilica, quest'utlima anche per assemblare gli oggetti già essiccati. Alcuni oggetti infatti hanno bisogno di essere modellati separatamente prima di unirli in un unica soluzione, questo perché ne impedisce la deformazione durante l'asciugatura e di mantenere meglio i particolari modellati.

Porta foto in pasta di sale, 
Ad esempio in questo porta foto realizzato come accennato prima, i palloncini a cuore sono stati realizzati a parte, modellati e fatti asciugare sul piano di lavoro, e una volta asciutti perfettamente, posizionati in verticale come in foto (con la loro struttura ad U all'interno inserita in fase di modellaggio), poggiati su una base a cuore, insieme i 2 maialini, tutto in pasta di sale.
Questo è l'unico oggetto in pasta di sale che è ancora integro! e sono passati più di 6 anni da  quando l'ho realizzato.
 
L'essicazione
Una volta realizzati i manufatti, devono asciugare all'aria o su i termosifoni in casa quando fa freddo come ora, oppure in forno elettrico a 60°, in forno e bene sempre controllarli e non superare mai questa temperatura.
Rose in pasta di sale (senza colore) dopo l'essicazione
Conservazione
Sicuramente per conservarli a lungo vanno evitati i luoghi umidi, (infatti l'unico superstite non sta a casa mia! -.-)
Va detto che, la colla vinilica, la colla da parati, gli acrilici, sono ottimi impermeabilizzanti! quindi è importante usare questi elementi come ho detto prima.
Poi l'ultimo accorgimento da utilizzare è uno spray protettivo trasparente lucido o opaco, una volta ultimato l'oggetto.


Nella foto di questo bambolotto e chiaramente visibile l'effetto sgranato utilizzando il sale non polverizzato, quindi è molto importante ridurlo in polvere perchè non permetterebbe di definire i particolari della modellazione. 

bambolotto in pasta di sale non polverizzato





Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...